Satellite

Sinottica

Satellite Alpi

Radar

Webcam Como Lago

Webcam Rovenna

Maggio 2010: tantissima pioggia e un mistero...poi svelato...

Il mese di maggio 2010 avrà senz'altro un posto d'onore negli annali meteo per la grande quantità di pioggia caduta: oltre 50 cm per metro quadrato, valore che rappresenta il più alto mai registrato all'osservatorio di Monteolimpino dal 1989 per pari mese e che ha quindi persino superato il già piovosissimo maggio del 2002 in cui la soglia del mezzo metro fu solo sfiorata. Per dare un'idea ancora più chiara possiamo citare il dato della convalle (stazione di Como Lago Aero Club) dove sono caduti 436 mm, valore senza precedenti in città da almeno 90 anni e nettamente più elevato dei 390 mm caduti nel maggio del 1984 che finora rappresentava il record. Tutto ciò dovuto alla persistente fase di maltempo iniziata il 30 aprile e terminata il 14 maggio caratterizzata da correnti sempre sudoccidentali che hanno continuamente convogliato verso la nostra provincia masse di aria umida ed instabile: nei 15 giorni citati, ben 14 hanno visto cadere precipitazioni (solo il 6 maggio è rimasto asciutto e non dappertutto): il culmine è stato raggiunto il giorno 11 con ben 128 mm scesi in 24 ore. Dal punto di vista termico il mese è risultato nettamente sotto la norma (oltre un grado e mezzo), rappresentando il terzo maggio più freddo degli ultimi 22 anni dopo quelli del 1991 e del 2004: addirittura la media delle massime di tutto il mese è risultata la più bassa della serie.

webcam
6 maggio: le prime immagini "perturbate" della nuova webcam in città murata (a cura di D.Lorusso)


Da segnalare 10 giorni sereni o poco nuvolosi, 17 con precipitazioni (di cui 8 temporaleschi), 5 con favonio e un tasso di umidità media del 74,4%; escursione termica media di 9,0°C contro 10,6°C della norma.

***

I mesi di maggio più piovosi dal 1989 I mesi di maggio più freddi dal 1989 I giorni più piovosi dal 1989
2010 510,8 mm 1991 +15,2°C 26.11.2002 153,2 mm
2002 496,8 mm 2004 +15,4°C 27.5.2002 135,9 mm
2008 290,4 mm 2010 +16,1°C 11.5.2010 127,8 mm
2000 250,7 mm 2002 +16,2°C 3.9.2002 116,8 mm
1995 239,0 mm 1996 +16,5°C 30.8.2001 116,6 mm

 

***

Precipitazioni cadute dal 30.4.2010 al 14.5.2010 in alcune stazioni comasche
Stazione mm caduti gg con pioggia > 1 mm giorno più piovoso e mm caduti
Monteolimpino 475,7 14 su 15 11 maggio - 127,8
Torno 465,6 12 su 15 11 maggio - 129,5
Rebbio 418,2 12 su 15 11 maggio - 112,5
Como Lago 399,6 13 su 15 11 maggio - 131,8
Villa Guardia 398,0 11 su 15 11 maggio - 92,5
Cadorago 389,5 13 su 15 3 maggio - 65,5
Lenno 389,4 14 su 15 11 maggio - 93,2
Veniano 386,8 14 su 15 11 maggio - 62,2
Valmorea 385,8 15 su 16* 12 maggio - 78,0
Como Garibaldina 383,8 13 su 15 11 maggio - 98,0
Olgiate Comasco 380,5 13 su 16* 11 maggio - 90,9
Casnate 377,6 13 su 15 11 maggio - 76,6
Brunate S.Maurizio 372,3 13 su 15 11 maggio - 111,3
Gironico 370,8 14 su 16* 11 maggio - 79,5
Erba 363,6 13 su 16* 3 maggio - 87,9
Albese 363,4 12 su 15 3 maggio - 58,7
Figliaro 362,8 15 su 15 11 maggio - 83,2
Caslino al Piano 357,7 13 su 15 3 maggio - 60,7
Cirimido 327,7 13 su 16* 12 maggio - 48,3
Alzate Brianza 322,8 13 su 15 3 maggio - 58,9
Mozzate 318,6 14 su 16* 11 maggio - 47,5
Ossuccio 318,4 13 su 15 11 maggio - 75,0
Arosio 301,0 13 su 15 3 maggio - 66,3
Dongo 285,4 12 su 16* 2 maggio - 57,9

* in queste località ha piovuto anche il 15 maggio

***

Breggia
11 maggio: la Breggia in piena nel giorno più piovoso (Foto: S.Vincenzi)

Riepilogo maggio 2010

***

minime

massime

medie

min_ass

max_ass

precipitaz.

decade1

+9,8

+16,4

+13,1

+6,4

+20,2

220,0

decade2

+10,9

+19,9

+15,4

+8,6

+23,9

253,5

decade3

+13,8

+25,0

+19,4

+10,3

+28,6

37,3

mese

+11,6

+20,6

+16,1

+6,4

+28,6

510,8

media

+12,6

+23,1

+17,8

*

*

144,5

record-

+9,8_91

+20,6_91

+15,2_91

+3,5

*

35,8_09

record+

+14,5_00

+25,9_09

+19,8_00

*

+33,3

496,8_02

N.b.: medie calcolate sul periodo 1989-2009

***

Nel titolo abbiamo accennato anche ad un mistero: effettivamente il pomeriggio di martedì 18 maggio, giornata prettamente favonica, abbiamo assistito ad un notevole incremento della caligine, vale a dire ad un peggioramento sensibile della visibilità, fatto che cozzava tremendamente con l'attesa di una secca giornata favonica, normalmente limpida. Tale situazione è poi stata confermata dai dati provenienti dalle centraline di rilevamento dell'aria che mostravano un aumento evidente delle concentrazioni di polveri sottili e un lieve innalzamento anche di quelle di biossido di zolfo: il tutto durato lo spazio di mezza giornata scarsa. Per una decina di giorni nessuno degli addetti ai lavori ha saputo spiegare il fenomeno e per quei giorni quindi siamo rimasti con il dubbio su ciò che avevamo respirato... finché l'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana ha risolto l'arcano: era la cenere del vulcano islandese Eyjafjallajökull che "finalmente" è davvero arrivata fino a bassa quota. Curioso che nessuno o quasi ne abbia parlato e la cosa sia passata praticamente sotto silenzio... probabilmente ne avevano parlato (a vanvera) talmente tanto quando non c'era, che quando è arrivata non ha fatto più notizia; come dicevano i russi ai tempi sovietici, dove c'è izvestia non c'è pravda e dove c'è pravda non c'è izvestia... Per informazioni approfondite rimandiamo alla pubblicazione dell'Oasi: cliccate qua.

 

pm10
L'impennata del PM10 il pomeriggio del 18 maggio (Fonte: Osservatorio Ambientale Svizzera Italiana)

***

torna il sole
16 maggio: torna il sole nel Triangolo lariano dopo due settimane di pioggia (Foto: G.Asnaghi)

Joomla templates by a4joomla

Questo sito fa uso di cookie a scopo tecnico. Continuando con la navigazione acconsenti ad utilizzarli.