Satellite

Sinottica

Satellite Alpi

Radar

Webcam Como Lago

Webcam Rovenna

La tromba lacustre del 1879

Venerdì 22 agosto 1879 un veloce passaggio perturbato attraversa le estreme regioni settentrionali da ovest verso est.

carta

Il comasco viene interessato intorno alle 16:30 con temporali localmente moderati (sopra un particolare della carta dei temporali riferita al pomeriggio del 22 agosto).

I fenomeni si esauriscono nel giro di un'ora , eccezion fatta per la Valle Intelvi, l'alto lago e la bassa Valtellina.

La grandine imperversa sulla città di Como, tra Blevio e Torno, in Val Cavargna ed in molte altre località della provincia.

L'intensità dei fenomeni e gli accumuli di pioggia sono via via più importanti procedendo verso i settori settentrionali della provincia.

E' in questo contesto che, dinanzi a Como, prende forma una vera e propria tromba d'aria.

Nella sua veste lacustre offrì uno spettacolo maestoso, giunto fino a noi grazie ad una sintetica ma efficace corrispondenza, a testimonianza di un fenomeno non insolito per il lago di Como.

Nel primo bacino del lago di Como...

 

"Tempo eccezionale, come fu veduto ben poche volte: una tromba d’aria si sollevò fra Blevio e Cernobbio e si estese fino alla punta di Torno.

L’impetuoso vento innalzava ad altezza grandissima l’acqua del lago, la quale ricadeva poi in pioggia minutissima.

Grandinata forte nella vallata della Pliniana e Molina.

Le barche ancorate nelle darsene furono sconquassate.

Anche a Como infuriò un tempo perverso, acqua, vento, grandine, tuoni … ed altre grazie di Dio".

 

In realtà, ad eccezione degli spruzzi sollevati in prossimità della superficie, l'acqua presente nella colonna non viene aspirata dal lago, come descritto nel 1879 e come talvolta si è ancor oggi portati a credere.

L'acqua che da forma al sinistro cono rovesciato proviene invece dai processi di condensazione all'interno della massa d'aria turbinante.

Pur avendo una genesi molto simile, le trombe lacuali non sono in grado di raggiungere l'intensità e la durata dei tornado terrestri.

L'episodio del 1879, come detto, non è così insolito per il lago di Como.

Solo qualche anno più tardi, nell'estate del 1883, ecco come le cronache meteorologiche segnalarono un nuovo caso:

 

"Si scatenò un gran vento, che verso sera divenne d'una straordinaria violenza. Sul lago vi fu anzi una tromba, che per fortuna si sciolse prima di recar danni".

 

 

Alcuni temporali osservati

 

La fase di maltempo del 22 agosto del 1879 rimase confinato a Nord della linea Santhià, Novara, Monza, Bergamo.

Milano fu solo visitata da un "nembo fittissimo di polvere sollevata dal furioso vento di NW".

Nessun temporale venne segnalato ad est del fiume Oglio.

Gli accumuli di pioggia risultarono localmente significativi nelle vallate piemontesi, nella regione dei laghi ed in Valtellina.

 

Ecco alcune delle osservazioni effettuate nel comasco e nelle zone limitrofe:

 

Triuggio

Dalle 16,30 alle 17,30 temporale da Varese (nordovest), che lungo i monti passò verso Como, Lecco e Bergamo (nordest) con forte vento successivamente dalle dette direzioni, lampi e tuoni incessanti e pioggia scarsa e fitta.

Saronno

Dalle 16,30 alle 17,15 uragano violento dall'Ovest con nembi bassi e veloci, in ogni verso all'est, lampi frequenti ed intensi, prolungatisi fino a mezzanotte e pioggia breve e temporalesca. Fu più sentito, con danni di grandine, sulla linea di Rho, Garbagnate, Turate, Lomazzo e Gerenzano.

Cermenate

Dalle 16,15 alle 16,45 temporale con pioggia fittissima, grandine spessa, senza gravi danni e vento forte da Nord, che abbatté molti fusti di grano turco.

Carimate

Dalle 16,20 a 17,50 temporale con poca pioggia.

Cantù

Dalle 16,30 alle 17 temporale da Ovest con scariche elettriche persistenti, pioggia a rovescio e poca grandine innocua; fu preceduta da vento gagliardo.

Albese Dalle 16,30 alle 17 dopo una giornata soffocante, venne da Ovest un temporale con vento turbinoso, scariche forti, pioggia dirotta ed alcuni rari chicchi di grandine, senza danno in principio.

Lanzo d'Intelvi

 

Dalle 16,20 alle 19,30 pomeridiane temporale da nordovest con lampi abbaglianti, forti detonazioni, pioggia intermittente e poca grandine minuta.

Dalle 20 alle 2 del 23 temporale violento in più riprese, con pioggia copiosissima, scariche quasi continue e 2 fulmini, di cui uno atterrò un castano, l'altro colpì la torretta dell'Hotel Belvedere producendovi delle crepature e forte scossa negli operai ivi ricoverati.

Cusino

Dalle 16,15 a 17,20 temporale con forti scariche, vento gagliardo, pioggia dirotta e grandine nel solo comune di Cavargna: perirono moltissimi uccelli.

Olate

Dalle 17,10 alle 17,30 temporale spaventevole apparso da sudovest fin dalle 16 con nembi di una oscurità straordinaria, vento furibondo, pioggia dirotta e grandine non molta in paese, ma copiosa e grande come noci a Rancio, Laorca, Ballabio, ecc., la quale portò via l'uva ed i frutti forandoli come fossero colpiti da mitraglia. Si ebbero vetri rotti, tegole portate via e molti alberi divelti.

Cino

Dalle 16,25 alle 23,10 si ebbe una serie di temporali intermittenti assai prossimi, con lampi all'altezza di 20° a 40° gradi sull'orizzonte, distanti dai rispettivi tuoni fra 3'' e 6'', pioggia a rovescio (totale mm. 51), vento fortissimo e nubi in varie direzioni, prevalendo l'ovest.

Teglio

Dalle 17,10 alle 18 temporale con tuoni vicini, vento impetuoso e pioggia fitta. Cadde un fulmine che uccise una vacca e tre pecore.

 

 

Gabriele Asnaghi

 

Joomla templates by a4joomla

Questo sito fa uso di cookie a scopo tecnico. Continuando con la navigazione acconsenti ad utilizzarli.