L’estate 2010 ad Alzate Brianza

11 Settembre 2010 Off Di meteocomo

Di seguito la descrizione della stagione estiva 2010 ad Alzate Brianza (CO), 360 mt slm, brughiera brianzola, in collina tra alta pianura brianzola e fascia pedemontana comasca. Vengono riportate considerazioni generali sul clima dell’estate appena conclusa con alcuni dati climatici e relativi commenti.

SITUAZIONE GENERALE

La stagione estiva 2010 ad Alzate Brianza è stata generalmente caratterizzata da una significativa ondata di caldo (tra fine giugno e fine luglio), e da diverse fasi fresche. Le precipitazioni totali sono risultate superiori rispetto a quelle delle estati precedenti anche se il numero di giorni con pioggia e con temporali è risultato inferiore: ogni giornata piovosa ha fatto quindi registrare quantitativi piuttosto abbondanti.

Le precipitazioni sono risultate piuttosto ben distribuite nella stagione e questo, oltre al caldo che raramente è stato secco ma al contrario spesso umido, ha portato la vegetazione a mantenersi costantemente “verde” e rigogliosa.

Infine, piuttosto numerose le giornate con vento da nord che, impattando sulla barriera alpina, si presentano sulla nostra zona sotto forma di föhn.

TEMPERATURE

Tabella 1. Temperature medie registrate nella stagione estiva ed in ogni singolo mese

TEMPERATURE MEDIE (C°)

Giugno

Minime: 15,7

Medie: 20,6

Massime: 25,8

Luglio

Minime: 18,9

Medie: 24,4

Massime: 30,3

Agosto

Minime: 15,8

Medie: 20,9

Massime: 26,5

Estate

Minime: 16,8

Medie: 22,0

Massime: 27,5

Tabella 2. Temperature estreme registrate in ogni singolo mese

TEMPERATURE ESTREME RILEVATE (C°)

ESTREMI più bassi

ESTREMI più alti

Giugno

Min: 10,2

Media: 12,3

Max: 14,9

Min: 20,0

Media: 24,8

Max: 31,3

Luglio

Min: 12,6

Media: 18,4

Max: 24,3

Min: 22,4

Media: 27,2

Max: 33,4

Agosto

Min: 11,6

Media: 15,7

Max: 19,2

Min: 20,2

Media: 25,0

Max: 31,5

Tabella 3. Numero di giorni e notti tropicali registrati nella stagione estiva ed in ogni singolo mese

GIORNATE CON ESTREMI “TROPICALI”

Giorni tropicali (T max >= 30°C)

Notti tropicali (T min >= 20 °C)

Giugno

2

1

Luglio

20

12

Agosto

3

1

Estate

25

14

A livello di temperature, la stagione estiva appena conclusa ha fatto registrare valori medi sostanzialmente in linea con quanto atteso e registrato nelle estati precedenti; la caratteristica più evidente è però stata la loro diversa distribuzione, nel senso che tali valori medi sono stati il frutto di un alternarsi di periodi freschi e di uno lungo caldo tra fine giugno e fine luglio (più una seconda breve fase calda in agosto) e non invece il risultato di periodi lunghi con temperature attorno alla media stagionale. In particolare, si segnalano due fasi calde ed una fase fresca. Per quanto concerne le fasi calde, la prima è stata molto prolungata e si è protratta dal 24 giugno al 28 luglio (particolarmente caldi sono stati i primi 21 giorni di luglio durante i quali si sono registrati 19 giorni tropicali, 12 notti tropicali e ben 15 giorni nei quali la temperatura media giornaliera è risultata superiore a 25°C); la seconda si è protratta dal 21 al 28 agosto, quando il caldo non è risultato eccessivo ma è stato particolarmente afoso. Per quanto concerne le fasi fresche, la prima si è protratta dal 14 al 22 giugno (quando una irruzione di aria artica marittima “fuori stagione” ha riportato la neve sulle Alpi a quote relativamente basse, con il giorno 20 giugno risultato particolarmente freddo e uggioso e con la temperatura che presso l’osservatorio non è andata oltre i 14,9°C!). La seconda fase fresca si è protratta dal 29 al 31 luglio; la terza dal 5 al 18 agosto mentre la quarta ha avuto inizio il 29 agosto ed è poi proseguita nel mese di settembre, rappresentando di fatto il passaggio ad un clima di tipo autunnale.

Confrontando i dati con le medie dell’osservatorio e con altre medie basate su periodi più lunghi di osservatori limitrofi, possiamo affermare come, a livello termico, giugno sia risultato in norma, luglio più caldo e agosto più fresco.

Anche nel periodo caldo comunque si sono registrati dei temporali così che non si è assistito (a differenza ad esempio di quanto accaduto la scorsa estate) a momenti nei quali il paesaggio è arrivato a mostrare un aspetto “siccitoso” (con erba secca, campi ingialliti e terra “rotta” dalla mancanza d’acqua).

Per completare i dati, si sono registrati durante l’estate 64 giorni con cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso (70%) e 28 giorni con cielo nuvoloso, molto nuvoloso o coperto (30%).

Foto 1. 7 luglio 2010, nel periodo più caldo dell’estate… il grano è maturo

alt

PRECIPITAZIONI

Tabella 4. Precipitazioni totali registrate nella stagione estiva ed in ogni singolo mese

PRECIPITAZIONI E GIORNI CON FENOMENI

Accumuli Totali*

Giorni con Precipitazioni*

Giorni con Temporali*

Giugno

86,1 mm

7

2

Luglio

139,0 mm

7

7

Agosto

306,5 mm

7

6

Estate

531,6 mm

21

15

* giorni con accumulo maggiore o uguale a 1 mm di pioggia

TEMPORALI: oltre ai 15 temporali registrati nei 3 mesi estivi se ne sono verificati altri 15 (con accumulo oltre 1 mm) nella stagione primaverile, per un totale (provvisorio) di 30 giorni nel 2010.

Nella stagione estiva le precipitazioni hanno raggiunto i 531,6 mm, con piogge abbondanti e oltre la norma grazie soprattutto ai temporali e a quelle particolarmente significative del mese di agosto, allorquando si è registrato un accumulo di oltre 300 mm che rappresenta il record per il mese in questione da quando vengono raccolti i dati. Fatto altresì significativo è il record di accumulo giornaliero registrato ad oggi dall’osservatorio, ovvero i 119,1 mm misurati il 12 agosto quando un temporale rigenerante mattutino ha scaricato 93 mm di pioggia ai quali se ne sono aggiunti altri 26 in un temporale serale. Giugno è invece risultato pluviometricamente sotto la norma (per via dei soli 2 giorni con temporali nel mese, dato significativamente al di sotto rispetto a quanto atteso) mentre luglio ha presentato valori pluviometrici attorno alla media.

Le precipitazioni, come normale per la stagione estiva, sono state prevalentemente di natura convettiva. Nonostante il quantitativo di pioggia sia stato rilevante, il numero di giorni con temporale (15) è risultato al di sotto di quanto atteso (circa 20 o più), anche se va ribadito che i quantitativi di pioggia di ogni evento sono risultati piuttosto abbondanti (si sono registrati 5 episodi temporaleschi con accumulo giornaliero oltre i 40 mm); 3 i temporali con presenza di grandine.

Non si è poi registrata, come normale per il periodo, alcuna giornata con nebbia.

In ultimo, l’umidità media della stagione è stata del 67% (a giugno 66%, a luglio 63% e ad agosto 70%); non si è registrato alcun episodio nel quale si sia accumulata rugiada o brina.

Foto 2. 29 luglio 2010: dopo un forte temporale in mattinata, con oltre 52 mm di pioggia ed un po’ di grandine, ancora qualche nube temporalesca con evidenti virghe di pioggia…

alt

VENTO

Tabella 5. Vento: parametri principali della stagione estiva

VENTO: PARAMETRI PRINCIPALI

Media vento

Wind run

Raffica max

Giorni con föhn

Giugno

2,8 km/h

2000 km

45,1 km/h

2

Luglio

2,7 km/h

1990 km

59,5 km/h

4

Agosto

2,6 km/h

1880 km

57,9 km/h

5

Estate

2,7 km/h

5870 km

11

A livello anemometrico, al di là delle solite brezze (anabatiche e catabatiche) presenti durante l’intera giornata presso l’osservatorio, soprattutto in periodi di alta pressione, nella stagione si è registrata una ventilazione inferiore alle due estati precedenti, con il dato totale del vento filato (Wind Run) di poco sotto i 6000 Km, con la direzione dominante da Nordovest. Verosimilmente, ciò è da ascriversi ai periodi piuttosto prolungati con alta pressione (con ventilazione quindi debole, legata solo alle brezze) associati al numero piuttosto basso, rispetto al normale, di giornate con temporali, che ha fatto venir meno la ventilazione sostenuta tipica che precede ed accompagna i fenomeni temporaleschi. Tali deficit non sono stati colmati nemmeno dal numero piuttosto elevato di giornate favoniche.

Da segnalare infatti, piuttosto inusuale, gli 11 giorni con föhn (dato superiore ai 9 attesi nella stagione estiva); in alcuni casi sono state proprio tali giornate che, a livello sinottico, hanno segnato il passaggio ad alcune delle fasi fresche osservate. Va poi segnalato un periodo piuttosto prolungato con venti di föhn occorso alla fine dell’estate, protrattosi dal 28 agosto al 2 settembre, durante il quale il vento da nord con effetto di föhn si è presentato sulla nostra zona, pur con qualche pausa, per 6 giorni consecutivi.

Per quanto riguarda le raffiche più elevate, esse sono comparse, nei mesi di luglio e di agosto, in corrispondenza di temporali sotto forma di outflow (la raffica più importante di 59,5 Km/h è occorsa durante il temporale del 5 luglio). La raffica più elevata nel mese di giugno invece si è registrata in corrispondenza di un giorno con föhn (il 2 giugno).

Foto 3. 24 luglio 2010. Al termine della fase più calda dell’estate ed in un giorno di föhn la vegetazione continua ad essere verde… anche grazie ai periodici temporali

alt

CONCLUSIONI

Pur non essendo possibile fare confronti con serie storiche importanti (in quanto i dati vengono raccolti con stazione Davis a norma OMM dal dicembre 2007) l’estate appena trascorsa ad Alzate Brianza è risultata sostanzialmente in norma a livello termico, pur con significative ondate di caldo alternate ad altrettanto significative ondate fresche. Precipitazioni abbondanti, e temporali con quantitativi particolarmente significativi, si sono registrati soprattutto nel mese di agosto, con precipitazioni complessive al di sopra della norma e che confermano la stagione estiva, per via delle precipitazioni convettive, come mediamente la più piovosa durante l’anno in brughiera brianzola comasca.

Giuseppe Aceti